L'attacca Libri

Carlo Picca

Perché la domenica è meglio la famiglia che l’ipermercato

Perché la domenica è meglio la famiglia che l’ipermercato

L’altra sera,  con la loro figlioletta di sette anni, sono venuti in Libreria a scegliere un buon  libro da leggere due bei genitori.  Mentre ne sceglievano tre, uno per ciascuno, parlavamo del più e del meno.  Mi raccontano che lavorano in un centro commerciale molto frequentato al punto che, molto spesso, resta aperto 7 giorni su 7.

Facendoci amichevolmente due chiacchiere, era palese dalle loro parole che non ne fossero molto felici: “Quasi mai una domenica in famiglia e quando arriva la possibilità di poterne godere una, si litiga con le colleghe o i colleghi per poterla avere”.

Ascoltavo i due genitori dispiaciuto, “non abbiamo quasi mai una domenica libera perché oramai nei centri commerciali la domenica è considerata come un giorno feriale, come ogni altro giorno lavorativo della settimana”.

La cosa che mi colpiva delle loro parole erano le domande che mi ponevano, proprio loro, dipendenti:  “Ma la gente ha veramente bisogno di fare la spesa nei giorni festivi?  Perché restare aperti nei giorni festivi significa più costi e più costi vuol dire spesa più cara”.  E poi: “ma come si può preferire il centro commerciale allo stare assieme in famiglia o ad una bella uscita o scampagnata?”.

“Queste cose non han paragone rispetto ad un’intera giornata nell’ipermercato, a fare file, anche per un semplice caffè, per non parlare del parcheggio, o dei bambini che si innervosiscono non poco perché vogliono uscire all’aria aperta piuttosto che restare chiusi per ore dentro ad un ipermercato”.

Senza aggiungere che poi durante la settimana i piccoli commercianti non hanno molti clienti perché la spesa la si fa tutta di botto nei centri commerciali, non è vero? Ma chi illumina le strade di un paese con le sue vetrine ? E chi paga tutte, ma proprio tutte le tasse a differenza di qualcun altro ? Conoscete la Legge 311/2004 che all’articolo 1 comma 429  prevede che le multinazionali con sede legale nei cosiddetti paradisi fiscali facciano riferimento a quel regime fiscale anche se operano in Italia?

Ma  questa è un’altra storia…

La cosa un pochetto triste delle parole dei due genitori, era sentire che i centri commerciali ed i negozi aperti nei festivi: “rischiano di incrinare i rapporti familiari di chi ci lavora, perché questi non hanno tempo di condividere delle occasioni che fanno sentire viva la famiglia”.

Facciamoci una domanda: La spesa la si può fare anche in altri momenti ? Non è che la domenica o nei festivi ci si sente rassicurati dal centro commerciale, perché non ci si deve inventare un’uscita, fa tutto lui ?… E nel frattempo spendi e compri…

Amici senza generalizzare, ma scrivendo intorno a chi soffre questa situazione come i dipendenti, e a chi da consumatore vive con routine la domenica all’ipermercato, questa la domanda che pongo:  ma siam sicuri che ci si meriti tutto ciò?

 

Carlo Picca

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti

Carlo Picca

Carlo Picca, pugliese, si è laureato in Lettere Moderne all’Università degli Studi di Bari. Dopo esperienze in campo scolastico come insegnante, ed editoriale come consulente letterario, attività che ancora svolge per alcuni autori ed editori, nel 2011 ha deciso di aprire una libreria a Rutigliano (Ba), che conduce con passione organizzando eventi letterari ed artistici rivolti al pubblico di ogni età, fra cui laboratori didattici, letture animate, incontri con Autori. Dal 2011 è iscritto come pubblicista all’Ordine dei Giornalisti di Puglia ed ha collaborato per quattro anni, come caporedattore, con il network pugliese La Voce del Paese. Attualmente scrive articoli per alcuni magazine nazionali che si occupano di cultura e ha da poco pubblicato, per FaLvision Editore, un saggio critico sperimentale sul Poeta italiano Sandro Penna. Nel settembre 2018 ha pubblicato per Les Flaneurs un romanzo satirico sul mondo dei libri e dell’editoria dal titolo “Il Giro Giusto“.

Ha deciso di intraprendere l’esperienza di blogger su Libreriamo intendendo proporre spunti di riflessioni sul mondo dei libri e dell’editoria, nonché recensioni e consigli per la lettura.

Utenti online