L'attacca Libri

Carlo Picca

Carlo Picca, pugliese, si è laureato in Lettere Moderne all’Università degli Studi di Bari. Dopo esperienze in campo scolastico come insegnante, ed editoriale come consulente letterario, attività che ancora svolge per alcuni autori ed editori, nel 2011 ha deciso di aprire una libreria a Rutigliano (Ba), che conduce con passione organizzando eventi letterari ed artistici rivolti al pubblico di ogni età, fra cui laboratori didattici, letture animate, incontri con Autori. Dal 2011 è iscritto come pubblicista all’Ordine dei Giornalisti di Puglia ed ha collaborato per quattro anni, come caporedattore, con il network pugliese La Voce del Paese. Attualmente scrive articoli per alcuni magazine nazionali che si occupano di cultura e ha da poco pubblicato, per FaLvision Editore, un saggio critico sperimentale sul Poeta italiano Sandro Penna.

Ha deciso di intraprendere l’esperienza di blogger su Libreriamo intendendo proporre spunti di riflessioni sul mondo dei libri e dell’editoria, nonché recensioni e consigli per la lettura.

L'impegno del sindacato Librai Italiani per migliorare la Legge Levi

L’impegno del sindacato Librai Italiani per migliorare la Legge Levi

La Legge Levi, luglio 2011, è una norma che fissa un tetto agli sconti che le librerie, dai piccoli librai, alla grande distribuzione, agli store online, possono fare sui libri.  Lo sconto massimo consentito è del 15% seppur viene ammessa la possibilità di realizzare campagne promozionali per singole collane con il 25% di sconto, ma per massimo un mese e… Leggi tutto

Arriva il "Meridiano" di Sandro Penna

Arriva il “Meridiano” di Sandro Penna

Cari Amici di Libreriamo, è da qualche giorno uscito per Mondadori il “Meridiano” di Sandro Penna: “Poesie, prose e diari”, a cura di Roberto Deidier, con una cronologia di Elio Pecora, pp. CXLI-1420. Il testo raccoglie per intero le poesie di Penna, le prose pubblicate in vita dall’autore e una scelta degli scritti diaristici. Il “Meridiano” esce grazie al lavoro minuzioso, critico,… Leggi tutto

Perché il poeta è da considerarsi un veggente

Perché il poeta è da considerarsi un veggente

Solo l’amare conta, solo il conoscere conta, non l’aver amato, non l’aver conosciuto Pasolini La poesia è un’illuminazione, che si rende inconfondibile rispetto ad altri stati d’animo. La puoi per questo definire  intuizione, quasi divinatoria, al punto che persino lo stesso poeta si meraviglia di tali illuminazioni che riporta scrivendole in uno stato rapsodico. Un ‘ illuminazione è quanto di… Leggi tutto

AAA Editore non a pagamento cerca poeti

AAA Editore non a pagamento cerca poeti

Bella notizia per chi scrive poesie. La casa editrice Les Flâneurs Edizioni cerca due poeti, con due raccolte inedite da pubblicare e  che saranno scelte fra tutte quelle pervenute. Non sono richiesti contributi per la pubblicazione. Non ci sono limiti di pagine per  gli inediti che vanno inviati a info@lesflaneursedizioni.it con oggetto Rive Gauche. E con soddisfazione vi comunico, cari amici,… Leggi tutto

"L'arte della commedia", come rendere omaggio ad Eduardo De Filippo su Facebook

“L’arte della commedia”, come rendere omaggio ad Eduardo De Filippo su Facebook

Abbiamo incontrato Bruno Esposito curatore della pagina Fb Eduardo De Filippo – L’arte della commedia. Gli abbiamo rivolto qualche domanda su questo suo importante spazio virtuale e sul grande Eduardo, considerato senza ombra di dubbio uno dei maggiori artisti del Novecento, autore di numerose opere teatrali da lui stesso messe in scena e interpretate e, in seguito, tradotte e rappresentate… Leggi tutto

Sandro Penna, poeta del risveglio nel museo degli adulti

Sandro Penna, poeta del risveglio nel museo degli adulti

Felice dono / la vita mia. / Lieto abbandono / l’ortografia.   Oggi ricorre l’anniversario di nascita del poeta umbro Sandro Penna, nato a Perugia il 12 giugno 1906 e morto a Roma il 21 gennaio del 1977. Non è facile scrivere di un autore, che forse non avrebbe voluto essere istituzionalizzato, immobilizzato e lapidato entro un qualsiasi museo della… Leggi tutto

Perché il gioco del calcio è da considerarsi poesia

Perché il gioco del calcio è da considerarsi poesia

I pomeriggi che ho passato a giocare a pallone sui Prati di Caprara, giocavo anche sei, sette ore di seguito, ininterrottamente: ala destra, allora, e i miei amici, qualche anno dopo, mi avrebbero chiamato lo “Stukas”: ricordo dolce bieco, sono stati indubbiamente i più belli della mia vita. Mi viene quasi un nodo alla gola, se ci penso. Allora, il… Leggi tutto

Perché gli insegnanti sono i veri supereroi di oggi

Perché gli insegnanti sono i veri supereroi di oggi

Essere un insegnante comporta vivere una vita da Superman. Una vita da super eroe che capisci a pieno solo vivendo la scuola. Perché talvolta, ci possono essere situazioni che ti colpiscono e che, tornando a casa, ti fanno dire che non metterai mai più piede in un’aula, e che ti fanno far presa sui tuoi super poteri per ritrovare invece… Leggi tutto

Page 2 of 5
1 2 3 4 5
Utenti online