L'attacca Libri

Carlo Picca

Johnny, l’idea di libertà e la lotta per difenderla

Johnny, l’idea di libertà e la lotta per difenderla

Il Partigiano Johnny, di Beppe Fenoglio è considerato uno dei più importanti romanzi del Novecento italiano. Fenoglio non riuscì mai a pubblicarlo in vita. Lo stesso titolo non è autografo, ma va attribuito ai curatori della prima edizione Einaudi del 1968. Gran parte delle vicende, pur romanzate, furono realmente vissute dall’autore in prima persona, ed è quindi lecito riconoscere in Johnny un alter ego dell’autore.

Un romanzo incompiuto dunque, che racconta la storia di un giovane studente con la passione per la letteratura inglese. Questi a seguito dell’8 settembre 1943, torna in famiglia, dai suoi genitori ad Alba, che era occupata dai tedeschi. Qui capisce che non si può restar fermi e decide di andare in montagna con i partigiani, per credere fino in fondo nella propria utopia di lotta per la libertà contro i nazifascisti.

Nella brigata in cui entrerà, non si sentirà proprio a suo agio, continuerà sempre ad avvertire un senso di estraneità, ma ciò non lo farà desistere dalla lotta. Infatti sono pochi i compagni con cui riesce a sentire una vera sintonia. Nei confronti di tutti gli altri avverte un forte ed orgoglioso senso di diversità.

Ai suoi occhi certa violenza gratuita ed il fanatismo ideologico sono modi di fraintendere il vero senso della lotta partigiana. Quella di Johnny è la storia di una formazione: prima, in città, nelle discussioni con il professor Chiodi ed i suoi allievi sui motivi che spingono a diventare partigiano, poi, “sul campo”, dove si fa strada il problema di appartenere ad una collettività fatta di uomini diversi per estrazione sociale, provenienza geografica e anche convinzioni ideologiche.

Il carattere che rende particolare questo lavoro letterario è rappresentato dalla lingua messa su carta da Fenoglio per raccontare la storia di Johnny. Si tratta di uno stile unico, che trova origine nella passione dell’autore, e del suo personaggio, per la lingua inglese. Un simile pasticcio che compone ogni frase con ricercatezza, talvolta anche maniacale ma sempre poetica.

E così si racconta l’estate di lotta del ’44. L’odissea di Johnny e dei suoi compagni. L’attesa nei casali, le imboscate contro gli automezzi fascisti, le battaglie, anche interne come quelle per giustiziare delle spie, e i rapporti, non sempre facili e lineari, tra le varie formazioni ribelli.

Johnny ed i suoi compagni, come si diceva spesso ai tempo dell’impegno, sono giovani uomini alla ricerca di una ragione, di una verità. Abbandonata la comoda esistenza di figli, si inoltrano verso il nuovo che, nel loro caso, si identificherà con la Resistenza.

Non è solo spirito di avventura a spingerli lontano dal disimpegno, è la necessità di rendere autentica la propria presenza nel mondo e di credere fino in fondo in qualcosa, allora era la libertà dal nazifascismo. Un libro sempre attuale perché Fenoglio lascia ai lettori di tutte le età l’idea viva di credere in qualcosa, di credere nella libertà e nel coraggio della lotta per difenderla.

Carlo Picca

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti
Mostra più commenti

Carlo Picca

Carlo Picca, pugliese, si è laureato in Lettere Moderne all’Università degli Studi di Bari. Dopo esperienze in campo scolastico come insegnante, ed editoriale come consulente letterario, attività che ancora svolge per alcuni autori ed editori, nel 2011 ha deciso di aprire una libreria a Rutigliano (Ba), che conduce con passione organizzando eventi letterari ed artistici rivolti al pubblico di ogni età, fra cui laboratori didattici, letture animate, incontri con Autori. Dal 2011 è iscritto come pubblicista all’Ordine dei Giornalisti di Puglia ed ha collaborato per quattro anni, come caporedattore, con il network pugliese La Voce del Paese. Attualmente scrive articoli per alcuni magazine nazionali che si occupano di cultura e ha da poco pubblicato, per FaLvision Editore, un saggio critico sperimentale sul Poeta italiano Sandro Penna.

Ha deciso di intraprendere l’esperienza di blogger su Libreriamo intendendo proporre spunti di riflessioni sul mondo dei libri e dell’editoria, nonché recensioni e consigli per la lettura.

Utenti online